Attraversando Genova, dal suggestivo panorama della sopraelevata, si parla di turismo, uno dei perni del rilancio della Genova dei prossimi anni. “Tanto è stato fatto, ma occorre non mollare per rafforzare servizi e qualità della nostra città, in sinergia con tutti i soggetti impegnati nel rendere Genova sempre più bella”

#genovapernoi #crivellosindaco

Guarda il video

Incontro in Compagnia Unica. Un momento importante per la nostra campagna che mette il porto e il lavoro al centro dell’attenzione. Un’occasione di confronto e condivisione con una realtà che rappresenta fonte primaria di flessibilità e qualità del lavoro ed elemento essenziale per garantire a Genova di continuare ad essere tra i primi porti del Mediterraneo.

La centralità del porto e dell’intero sistema di persone e imprese è uno dei punti chiave per il rilancio della città. Le grandi trasformazioni che investono il mondo dello shipping e della logistica impongono una seria riflessione a difesa di un modello organizzativo che deve essere mantenuto e sviluppato garantendo lavoro e crescita per tutti.

Il Comune si impegnerà perché ciò avvenga, consapevole di quello che la città e il suo porto rappresentano per l’economia nazionale e dei territori serviti. La riforma della portualità e dei suoi modelli di governo rappresentano un punto di partenza per accompagnare e costruire un percorso dove è la risorsa umana, adeguatamente formata, specializzata e inserita nel mondo produttivo, che potrà garantire la competitività del nostro sistema portuale .

Oltre quattrocento persone hanno affollato la sala del teatro della Gioventù sabato mattina per salutare la partenza della campagna elettorale di Gianni Crivello: grafica rinnovata e nuovo slogan, “Genova per noi”, come manifesto per raccontare l’orgoglio di essere genovesi. “Paolo Conte ci scuserà se abbiamo preso a prestito la sua canzone e speriamo di essere all’altezza della sua arte, ma pensiamo che a volte sia necessario guardarsi da fuori per capire meglio chi siamo e cosa vogliamo” – lo dice il candidato sindaco mentre ricorda il progetto lanciato qualche settimana fa di un festival dedicato ai cantautori genovesi e poi sottolinea il lavoro fatto con la procedente amministrazione per mettere in sicurezza la città “che sarà anche un’occasione di rilancio: tra quello che si è investito e si investirà sono circa 640 milioni destinati a Genova e una città sicura è una città in cui si vive meglio”.

Elenca sinteticamente alcuni punti del programma: “dobbiamo continuare a puntare sul turismo e sul porto che possono essere il volano per la nostra economia, allo stesso tempo prenderci cura delle nuove povertà e dare forza ai giovani creando un patto con l’università, sostenere Erzelli e le tante realtà territoriali”.

Ricorda come la candidatura a sindaco sia arrivata un po’ a sorpresa, frutto della richiesta di tanti cittadini e racconta cosa vorrebbe dire per “Gianni Crivello” ricoprire questo ruolo: “preferisco la parola primo cittadino, che è primo, perché garante degli ultimi. Questo – aggiunge deve fare il sindaco, lavorare perché la città funzioni, accolga e protegga anzitutto i cittadini più in difficoltà. E’ con questo spirito che mi sento di promettere il mio impegno per Genova: per far sì che l’ultimo dei cittadini abbia le stesse possibilità del primo, anzi qualcuna in più perché ne ha più bisogno”.

In chiusura Crivello ringrazia tutti i candidati delle liste che lo sostengono e le persone che in queste settimane stanno lavorando insieme a lui, Luca Borzani e Beppe Pericu per l’impegno profuso in questi anni per Genova, Alice Merlo, Rossella Bianchi e Dorina Monaco per  essere intervenute, rivolgendo poi un auspicio alle forze politiche “per trovare una nuova coesione superando la frammentazione che ha caratterizzato il centro sinistra negli ultimi anni”.

Confronto “aperto a tutti” organizzato dalla Diocesi di Genova, tra candidati sindaco presso la Sala Quadrivium.

Crivello si è espresso sul tema del lavoro che considera di priorità assoluta, sulle aree dismesse, ha parlato dell’importanza del porto. tutti elementi fondamentali per il rilancio e la ripresa della città. Ma anche di assetto idrogeologico, anziani, bambini, sostegno alle famiglie migranti, infrastrutture, raccolta dei rifiuti, sicurezza, attività.

Gianni Crivello, ha presentato la lista civica che porta il suo nome durante la conferenza stampa in un’affollata sala Nautilus dell’Acquario di Genova. Un luogo simbolico, spiega il candidato sindaco del centro sinistra, “perché proprio da qui 25 anni fa ripartì il rilancio della città, grazie a Renzo Piano e all’amministrazione che volle investire nella sua intuizione. Una scelta vincente che deve proseguire. I punti che caratterizzano l’amministrazione del Candidato Sindaco: Turismo ” anche il New York Times ha riconosciuto la potenzialità di Genova, ma dobbiamo lavorare per renderla ancora più bella ed accogliente, la cura del territorio perché solo una città sicura può garantire il benessere di chi la vive, il lavoro e la massima attenzione per le persone e i loro bisogni. Per quanto riguarda la lista Crivello, composta da 18 donne e 22 uomini, una lista che rappresenta tanti mondi, professioni e competenze diverse. Il candidato dichiara che si tratta di una “lista del fare” una lista per Genova e il suo futuro, per farla crescere e contribuire al benessere di tutti.

Copyright@2017 Gianni Crivello Sindaco | Tutti i diritti riservati